FELDENYOGA NEL SUD DELLA GRECIA con Piero Bianciardi

 FELDENYOGA NEL SUD DELLA GRECIA con Piero Banciardi

 

 

 

Nel 2014 nasce il progetto Holismos Yoga Holiday, con l’intento di promuovere vacanze e formazione in ambito dello Yoga ed altre attività correlate al divertimento, al benessere e al piacere di vivere. Ho pensato così, per una serie di possibilità e per grande cura, ho scelto i luoghi speciali, affinché la condivisione del contatto con la bellezza e la natura possa rigenerare, nutrite e lontano gioire tutte quelle persone che si riconoscono insieme in me

Qualche anno fa presso l’hotel Acquamarina e mi sono innamorato del posto e delle persone che lo gestiscono. L ‘hotel è un tre stelle costruito da solo un anno fa, dotato di tutti i confort per rendere il tuo soggiorno piacevole e rilassante. La struttura è situata a pochi metri dalla meravigliosa spiaggia di Neratziona e, non molto lontano dalla famosa spiaggia di Pounta e davanti, a soli 500mt, l’isola di Elafonissos con la stupenda spiaggia di Simos.

Ogni stanza e tutte le sale comuni, sono dotate di aria condizionata ed hanno accesso gratuito ed illimitato wi-fi. Tutte le mattine sono disponibili con un ricco e delizioso buffet prima colazione, servita nel giardino o nel ristorante.

 SERVIZI DELL’HOTEL:

Stanze

Aria condizionata – Tv satellitare – TV LCD – Internet Wi-Fi gratuito – Mini bar – Cassetta di sicurezza – Servizio chiamate in camera -Finestre insonorizzate- 24 acqua calda – asciugacapelli-accesso disabili- Balcone- Servizio sveglia centralizzato – bagno doccia

Aree comuni

-Aria condizionata- Internet Wi-Fi gratuito – TV satellitare- TV al plasma – Caffè – Snack Bar – Parco giochi – Parcheggio gratuito

POSIZIONE

L’ hotel Aquamarine si trova  c/o Kampos village ( vicino al villaggio di Agioi Apostoloi), qualche Km a nord della città di Neapolis, nella provincia della Laconia. A qualche metro di distanza potrai immergerti nelle acque cristalline della spiaggia di Neratziona, con la sua sabbia Bianca dorata ed acqua color smeraldo. Seguendo la costa su verso nordovest, si possono raggiungere le famose spiagge di Pounta and Magganos. Tra queste spiagge senza fine ed un mare di una lucentezza che niente ha da invidiare ai tropici, si arriva ad un piccolo porticciolo dal quale ci si può imbarcare per l’isola di Elafonissos. Se invece ci si sposta di pochi km verso sud est si arriva a Neapolis, piccolo cittadina portuale. Qui si trovano negozi, ristoranti, banche, ufficio postale ed il centro sanitario.

Isola di Elafonissos

Elafonissos appartiene al gruppo delle isole Ioniche ed è situata a poche centinaia di metri dalla costa del Peloponneso dal quale fino al 375 dc,, prima che il grande sisma la colpisse, era collegata con una lingua di terra. L’isola è oggi una riserva naturale protetta ed è interessante per la fauna che ospita; foche monache, tartarughe marine, un tipo particolare di rana e di lucertola, che per il volere del ministero dell’ambiente ellenico, sono considerate specie protette. L’isola possiede alcune tra le spiagge più belle di tutta la grecia se non del mediterraneo, da qui nasce il famoso paragone con l’arcipelago delle Maldive. Quasi tutti gli oltre 700 abitanti dell’isola si concentrano nel villaggio omonimo, situato sulla punta settentrionale dell’isola, è anche il porto principale e centro molto animato la sera.

http://caosvideo.it/v/elafonissos-la-versio

ne-greca-delle-maldive-6395

PAVLOPETRI

Poco distante dalla costa, in pochi metri di acqua, si trova il famoso sito archeologico di  PAVLOPETRI.Secondo gli studiosi, con i suoi 5 mila anni di età, Pavlopetri è una delle città sommerse più antiche del pianeta. Si tratta di un sito archeologico unico nel suo genere: le profondità del mare ospitano un’intera cittadella composta da edifici, strade, cortili e tombe.Gli archeologi hanno contato almeno 15 edifici ben conservati, con le loro pareti realizzate in aeolianite, una roccia composta dalla litificazione dei sedimenti prodotti dall’azione erosiva del vento, ma anche di roccia arenaria e blocchi di calcare, tutte assemblate rigorosamente senza malta.Tutta la città copre un area pari a otto campi da calcio. A vederla, sembra che sia stata congelata nel tempo: abbiamo davanti ai nostri occhi un’intera città dell’età del bronzo, un legame tra il nostro passato e l’epoca contemporanea, con numerosi misteri che aspettano solo di essere svelati.La città sommersa di Pavlopetri fu scoperta casualmente nel 1967 dall’oceanografo Nicholas Flemming, durante la ricerca di prove sul cambiamento del livello del mare nella zona. L’anno dopo, nel 1968, un team di archeologi dell’Università di Cambridge eseguì una mappatura dettagliata del sito.Nonostante il grandissimo interesse archeologico della scoperta, nessun’altra esplorazione fu eseguita negli anni successivi. Almeno fino al 2011, quando Jon Henderson, ricercatore presso l’Università di Nottingham, ha fatto del suo meglio per portare in vita l’interesse su quella che lui stesso ha definito la ‘Pompei subacquea’.Grazie alla collaborazione offerta del Ministero della Cultura Ellenico, Henderson ha guidato un team della British School atAthens per registrare e ricostruire digitalmente l’aspetto dell’antica città.

https://www.youtube.com/watch?v=kepaQu4uerg

https://www.youtube.com/watch?v=8O8WR7fPUD4

 

 

MONEMVASIA

 

A 40 minuti dall’albergo sitrova Monemvasia. Il primo nucleo abitato sulla Rocca di Monemvasia si formò al tempo dell’imperatore Maurizio di Bisanzio (582-602 d.C.), quando vi si rifugiò la popolazione della Laconia per sfuggire agli Avari che avevano messo il Peloponneso a ferro e a fuoco. Il nome di Monemvasia compare per la prima volta nel 723 in una cronaca stilata dal beato Villivardo. L’epidemia di colera scoppiata nei territori dell’impero bizantino non risparmiò gli abitanti della rocca. Nel 785 il vescovo di Monemvasia prese parte al concilio di Nicea. Nel IX-X secolo la rocca fu fortificata per fronteggiare il pericolo di incursione arabe dal mare. A quel tempo ospitava un’importante base militare e navale bizantina. Dopo la caduta di Costantinopoli in mano ai Crociati si mantenne indipendente e prosperò grazie al commercio del vino Malvasia. Nel 1248 fu espugnata da Guglielmo II di Villehardouin. Tornò nelle mani dei Paleologhi, l’ultima dinastia bizantina ma fu saccheggiata dai Catalani e i suoi abitanti deportati a Barcellona. Nel 1464 fu occupata dai Veneziani che però furono costretti a consegnarla agli Ottomani quasi un secolo più tardi. Nel 1695 i Veneziani vi si installarono di nuovo ma appena 20 anni più tardi dovettero evacuare di nuovo e questa volta per sempre. Nel marzo del 1821 fu espugnata dalle forze indipendentistiche greche con l’aiuto di navi di Spetse. Il suo nome, deformato, si ritrova nel vino Malvasia, che veniva prodotto nella zona e dal porto veniva esportato in tutta Europa.Il nome greco Μονεμβασία (“un solo accesso”) deriva dalla esistenza di una unica porta d’entrata alla città fortificata (moniemvasis).

Lasciando il castello di Monemvasia e dirigendosi a nord per circa 20 km, incontriamo il villaggio di Ierakas or Gerakas, costruito durante il medioevo in un porto naturale circondato da montagne rocciose a formare l’unico fiordo naturale di tutta la Grecia.

 

LA FORESTA PIETRIFICATA

Questa realtà unica nel suo genere è il risultato di un rarissimo fenomeno geologico che porta alla fossilizzazione della paleoflora risalente a milioni di anni fa, quando il Mediterraneo non esisteva ancora e il territorio dell’attuale Grecia era coperto da una enorme foresta primordiale.

Oggi questo geoparco offre la possibilità di vedere da vicino i resti fossili della foresta preistorica, dove a poca distanza da un mare di rara bellezza si possono riconoscere le forme dei tronchi e dei rami di antichissimi alberi pietrificati. Il sito del geoparco si trova a circa 14 chilometri dal centro di Neapolis ed è facilmente raggiungibile seguendo le indicazioni verso sud in direzione Agia Marina.

LA GROTTA DI KASTANIA

 

La grotta è accessibile seguendo il percorso circolare che collega Neapoli con i villaggi di montagna Kastania (Kastanià), Ano Kastania (Άno Kastanià), Faraklo (Faraklò) e Mesochori (Mesochòri). Una delle grotte più suggestive della Grecia si trova vicino al villaggio di Kastania, sulla punta meridionale del Peloponneso, a pochi minuti da Neapoli. Ricca di densità e varietà di forme, colori e figure, la Grotta di Kastania è classificata come seconda al suo genere in Europa. La natura ha bisogno di tre milioni di anni per creare questa decorazione in pietra inimitabile e di plasmare corpi e figure di tale immensa immaginazione.La superficie della grotta copre 1.500 metri quadrati suddivisi in due livelli e il visitatore è guidato a un percorso di 500 metri di lunghezza.
 

Capo Maleas (Cavomalias)

Dopo capo Tanaro, è il punto più a sud della Grecia e dell’Europa. Possiede uno dei fari più grandi del mediterraneo recentemente restaurato, è oggi monumento nazionale Ellenico. Viene chiamato anche piccolo monte Atos perchè in passato, sulla punta di Capo Maleas, di monasteri ce n’erano tanti, forse anche più di venti. Ora ne rimangono solo due visitabili. Per arrivarci bisogna camminare per circa un’ora su un sentiero spesso un po’ da brivido. Nonostante la relative difficoltà del sentiero, la visita a capo Malea è un’esperienza da non perdere.

YOGA con Piero Bianciardi

Piero ha una lunga storia di pratica ed insegnamento avendo iniziato a studiare Yoga all’età di 18 anni. Dopo tre anni alla facoltà di medicina decide di dedicarsi allo studio dello Shiatsu e Agopuntura. Nel frattempo studia con diversi insegnanti provenienti da lignaggi diversi:  Iyengar Yoga , Asthanga Yoga , Hatha Yoga , YogaVinyasa. Nel ‘93 inizia la formazione del metodo Feldenkrais. Nel periodo dai 23 ai 35 anni segue anche vari stili di danza tra cui la Conctat, la danza Buto e la danza contemporanea, seguendo in particolare il Maestro Dominique Dupuy e la scuola di teatro danza di Enrique Pardo del Roy Hart Theatre. Nel ‘90 inizia ad insegnare Yoga  e nel ‘93 fonda l’associazione Artemovimento a Siena, associazione dedita alla pratica della arti Marziali, dello Yoga , dello Shiatsu e di altre discipline affini. Dal ‘95 si dedica a tempo pieno allo studio e all’insegnamento del Metodo Feldenkrais.Nel 2005 inizia a praticare Aikido diventandone insegnante nel 2010. Nello stesso anno frequenta la formazione di Costellazioni Familiari con Bert Hellinger e Marie Sofie Hellinger e partecipa a molti seminari tenuti dal loro allievo diretto Carl Peter Strommer. Dal ‘97  esplora e crea il FeldenYoga un’ integrazione del Metodo Feldenkrais e dello Yoga. Piero tiene numerosi corsi settimanali di Aikido,  M. Feldenkrais e  FeldenYoga.

IL FELDENYOGA

Lo Yoga di Piero si è nel tempo trasformato in una naturale continuazione dinamica dell’esplorazione consapevole del Metodo Feldenkrais. Nella lezione le varie posizioni si combinano in un movimento che come una danza ogni praticante può adattare alle proprie possibilità e condizioni. Il fine è quello di imparare a muoversi a respirare e rilassarsi in qualsiasi condizione o relazione con l’ ambiente. Un nuovo metodo che si rivolge a chi vuole esplorare e migliorare le proprie abilità e capacità motorie, propedeutico e complementare per qualsiasi tipo di attività fisica o sportiva. Il FeldenYoga oltre ad essere facilmente integrabile nella vita di tutti i giorni, è un preciso percorso di ricerca che conduce verso una più profonda conoscenza della natura umana.

PROGRAMMA COMPLETO

Domenica 14

Ritrovo all’aeroporto internazionale di Atene,  per coloro che scelgono di fare il viaggio insieme verso la penisola di Malea e l’albergo. All’aeroporto si possono noleggiare le auto o un minibus. Se si preferisce si può tranquillamente fare il viaggio indipendentemente dal gruppo ed il ritrovo sarà la sera di sabato 16 direttamente in albergo.

Lunedì 15

8,00 – 9,30. FeldenYoga

9,30.Colazione. Dopo la colazione giornata libera al mare per recuperare le forze

18,00. FeldenYoga, meditazione

20.00. Cena in una delle taverna sulla spiaggia ( facoltativo)

Martedì 16

7,30 – 9,30. FeldenYoga

9,30. Colazione

10,30. Visita alla città medievale di Monemvasia ed al fiordo naturale di Geraka Limeni

Mercoledì 17

7,30 – 9,30. FeldenYoga

9,30. Colazione

10,30. Escursione sull’isola di Elafonissos e visita alla città sommersa di Pavlopetri

Giovedì 18

7,30 – 9,30. FeldenYoga

9,30. Colazione

10,30. Escursione e trekking a capo Malea, visita alle chiese bizantine ed al faro. Sulla strada ci fermeremo a fare il bagno nelle spiaggette e nelle calette che incontreremo lungo il cammino..

Venerdì 19

7,00 – 8,00 FeldenYoga, breve pratica

8,00 Colazione

9,00 visita alla foresta fossile ed alla grotta di Kastania

Sabato 20

7,30 – 9,30. FeldenYoga

9,30. Colazione.

Giornata di relax, spiaggia, shopping ecc.

Domenica 21

7,30 – 9,30. FeldenYoga ( dipendente dagli orari delle partenze dei partecipanti)

Saluti e partenza

COSTO: 500€ entro il 30 Aprile 580€ dopo il 30 aprile. Supplemento stanza singola 150€

Incluso nel prezzo:Hotel con abbondante prima colazione, lezioni di yoga, e tutte le escursioni guidate.

Non incluso nel prezzo:biglietto aereo, affitto,  della macchina ( se disponibili a condividere una macchina o mini bus, ilcosto può essere contenuto intorno ai 10/15€ al giorno), carburante, pasti principali ( il cibo in Grecia ha dei costi molto contenuti, si può fare un pasto completo di ottima qualità con 10/12 €),gli spostamenti in traghetto per le isole di Elafonissos e il biglietto di entrata alla grotta di Kastania.

Booking: per prenotare il tuo posto scrivici una e-mail o chiamaci al cellulare

Info@holismos.com  –  0039 338 3824280  – 0039 333 5263343

Per assicurarti il ​​tuo posto è necessario il pagamento di 250 € come caparra, tramite bonifico bancario. Questa somma sarà rimborsabile per l’80% prima del 15 di Giugno 2019 e non rimborsabile oltre quelle dati. In caso di impossibilità a partecipare si possono usare quei soldi per un altro evento da noi organizzato anche nell’anno successivo. Il saldo sarà versato al tuo arrivo in Grecia.

www.yogaholiday.it – ​​www.aquamarinehotel.gr

 

 

 

Leave a Reply